Donn’Ama’ la medicina ce l’ho io

Eduardo De Filippo, Napoli milionaria. Commedia in tre atti. Oltre al testo vi proponiamo una  clip della scena con Eduardo De Filippo e Regina Bianchi su YouTube. Il testo citato è tratto dal sito web pulcinella291.forumfree.it. Qui il testo è rubricato nella pagina “Guerra“.


Atto terzo

(…)

(Amalia entra seguita da ‘O Miezo Prèvete e si ferma a guardare il gruppo con atteggiamento interrogativo. Pausa.)

Riccardo (ad Amalia con tono di fatalità, senza ombra di vendetta nella voce, né di ritorsione). Donn’Ama’, la medicina che ha prescritto il dottore per vostra figlia, ce l’ho io. (La mostra) Eccola qua.

Amalia (colpita, non disarma). Quanto vulite?

Riccardo (commiserandola, ma senza cattiveria, quasi comprensivo). Che mi volete restituire? (Amalia lo scruta). Tutto quello che avevo è nelle vostre mani. Mi avete spogliato… Quel poco di proprietà, oggetti di mia moglie, biancheria… ricordi di famiglia… (Amalia abbassa un po’ lo sguardo). Con biglietti da mille alla mano ho dovuto chiedervi l’elemosina per avere un po’ di riso per i miei figli… Adesso pure di vostra figlia si tratta…

Amalia (come per richiamarlo all’umanità, quasi con tono di rimprovero). Ma chesta è mmedicina…

(Gennaro lentamente raggiunge il fondo e volge le spalle ai due, come per sottrarsi alla scena. Il dottore segue il dialogo, dando un’occhiata ora ad Amalia, ora a Riccardo. ‘O Miezo Prèvete non s’impegna; ha sempre qualche cosa da cercare o nel panciotto o nella tasca dei pantaloni, perché lo si possa ritenere assente).

Riccardo. D’accordo. E giustamente voi dite, senza medicina indicata, se more. Ma pecché, secondo voi, donn’Ama’, senza mangia’ se campa?

Amalia rimane inchiodata, non sa cosa rispondere).

Riccardo ribatte. Se non mi fossi tolto la camicia, ‘e figlie mieie nun sarrieno muorte ‘e famma? Come vedete, chi prima e chi dopo deve, ad un certo punto, bussare alla porta dell’altro. Sì, lo so, voi in questo momento mi dareste tutto quello che voglio… Donn’Ama’, ma se io per esempio me vulesse leva’ ‘o sfizio ‘e ve vede’ ‘e correre pe tutta Napule comme currevo io, pe truva’ nu poco ‘e semolino, quanno tenevo ‘o cchiù piccerillo malato… (Amalia all’idea trasale). Se io ve dicesse : «Girate donn’Ama’, divertiteve purtone pe’ purtone, casa per casa…» Ma io chesto nun ‘o ffaccio! Ho voluto solamente farvi capire che, ad un certo punto, se non ci stendiamo una mano l’uno con l’altro… (Porgendo la scatola al dottore) A voi, dotto’. E speriamo che donn’Amalia abbia capito. Auguri per la bambina. Buonanotte.

(Ed esce per il fondo. Immediatamente Amalia con un gesto deciso costringe il dottore a precederla nella camera da letto, dov’è la sua piccola inferma).

‘O Miezo Prèvete (con una lieve grattatina alla nuca). Mannaggia bu ba!

Gennaro (è visibilmente commosso, sì da non potersi quasi reprimere. Vuol parlare d’altro). E tu? Affare nun n’he’ fatte, tu? Quanta meliune tiene?

‘O Miezo Prèvete. Eh… tenevo ‘e meliune. (Riferendosi all’insegnamento della scena precedente, come per dimostrare a se stesso la sua rettitudine) Io quanno m’aggio magnato na pummarola mmiez’ ‘o ppane me sento nu rre! Sì, ho tentato qualche cosa, qualche affare pur’io, ma ce aggia avut’ ‘a rinunzia’… (Con un senso di sfiducia in se stesso e nella sua fortuna) Na vota, io e Pascalino ‘o pittore, accattàieme cinquanta chile ‘e ficusecche. Dicette : – «Facimmo passa’ nu poco ‘e tiempo: quanno aumentano ‘e prezzo e’ ‘e vvennimmo». – Don Gennaro mio, ‘e ttruvaieme chiene ‘e vierme : abbremmecute. ‘E sciacquàieme tuttu quante, ‘e mmettettemo ‘asciutta’: na mmità, s’ ‘e mmagnaieno e surice e ‘o riesto ietteno ‘a perimma. Certo ci sarebbe da fare… Ma chi m’ ‘o ffa fa’? Specialmente mo. Muglierema murette sott’ ‘a nu bumbardamento… Don Genna’, una cosa mondiale… (Ricostruendo la scena apocalittica del sinistro) Stevemo sott’ ‘o ricovero, comme stammo io e vuie, ‘o vvedite? Forse cadevano ‘e bombe e nuie ce stavamo appiccecanno. – «E statte zitta, – dicevo io, – ‘a gente sente!» – E chella… (per indicare la loquacità irrefrenabile della moglie) E teretù… teretu. A nu cierto punto cadette proprio ‘o lato addo’ steva essa… Un attimo, don Genna’. E ‘a miez’ ‘e pprete avette sulo ‘o tiempo ‘e dicere: – «Quann’esco ‘a ccà sotto, parlammo!» – Ma fortunatamente murette subito, senza suffri’ manco nu poco. Na bella morte, don Genna’. Pirciò ve dico: sto ssulo, me metto a ffa’ ‘o cummercio?

Gennaro (che fino a quel momento è rimasto assente al racconto d’ ‘O Miezo Prèvete e di tanto in tanto ha guardato l’angolo dov’era la sua cameretta di fortuna). Dimane m’he’ ‘a fa’ nu piacere. Te ne viene nu poco cchiù ampressa. Avimm’ ‘a mettere a pposto a cammarella mia. Chellu lignammo ca ce steva che n’avite fatto? Ll’avite iettato? Ll’avite abbruciato?

‘O Miezo Prèvete. Gnernò: ce sta. Quanno se facette ‘a rinnuvazione ‘o llevaie propri’ io e ‘o mmettette dint’ ‘a putéca ‘e don Pascale. E llà sta.

Gennaro. E dimane ‘o mmettimmo n’ata vota. (E rimane a parlottare con ‘O Miezo Prèvete, sottovoce, impartendogli le necessarie istruzioni).

Il dottore (dalla sinistra, seguito da Amalia, Assunta e Adelaide). Io me ne vado. Statevi di buon animo. Mo ha da passa’ ‘a nuttata. Deve superare la crisi. Io torno presto domani mattina e sono certo che mi darete una buona notizia. Buonanotte.

Adelaide. Buonanotte.

Assunta. Buonanotte.

(Il dottore esce per il fondo, salutato con il gesto da Gennaro e da ‘O Miezo Prèvete).

(Amalia, assorta nel suo dolore, lentamente siede accanto al tavolo, con le braccia conserte, quasi stringendo intorno alle spalle lo scialle che indossa. Ha freddo. Sente profondamente nel suo cuore tutta la responsabilità del momento, tutta la sua colpa).

Adelaide (scorge lo stato d’animo di Amalia e amorevolmente le si avvicina). E va buono, mo. Stàteve ‘e buonumore. Chillo ‘o duttore steva preoccupato primma pecché nun se truvava ‘a mmedicina, ma mo, avite visto comme se n’è ghiuto cuntento? (Amalia la guarda con riconoscenza. Quelle parole le fanno bene). Nuie ce ne iammo. Qualunque cosa, chiammàtece.

Assunta. Buonanotte.

(E zia e nipote escono per il fondo, in silenzio. ‘O Miezo Prèvete si è seduto fuori del basso. Gennaro è rimasto fermo, in piedi, fissando il suo sguardo da giudice su sua moglie. Amalia lo avverte e ne riceve quasi un senso di fastidio. Infine, esasperata, è proprio lei che rompe il silenzio con una reazione quasi aggressiva).

Amalia. E pecché me guarde? Aggio fatto chello che hanno fatto ll’ate. Me so’ difesa, me so’ aiutata… E tu pecché me guarde e nun parle? ‘A stammatina tu me guarde e nun parle. Che colpa me può da’? Che t’hanno ditto?

Gennaro (che a qualunque costo avrebbe voluto evitare la spiegazione). Aggia parla’? Me vuo’ sèntere proprio ‘e parla’? E io parlo. (A ‘0 Miezo Prèvete) Miezo Pre’, aggio pacienza, vattenne, ce vedimmo dimane mmatina.

‘O Miezo Prèvete (alzandosi e mettendo a posto la sedia). Buona nottata. (Esce).

Gennaro. Ricordate ‘a mmasciata.

‘O Miezo Prèvete (dall’interno). Va bene.

Gennaro (chiude il telaio a vetri e lentamente si avvicina alla donna. Non sa di dove cominciare; guarda la camera della bimba ammalata e si decide). Ama’, nun saccio pecché, ma chella criatura ca sta llà dinto me fa penza’ ‘o paese nuosto. Io so’ turnato e me credevo ‘e truva’ ‘a famiglia mia o distrutta o a posto, onestamente. Ma pecché?… pecché io turnavo d’ ‘a guerra… Invece, ccà nisciuno ne vo’ sentere parla’. Quann’io turnaie ‘a ll’ata guerra, chi me chiammava ‘a ccà, chi me chiammava ‘a llà. Pe’ sape’, pe’ sentere ‘e fattarielle, gli atti eroici… Tant’è vero ca, quann’io nun tenevo cchiù che dicere, me ricordo ca, pe’ m’ ‘e lleva’ ‘a tuorno, dicevo buscìe, cuntavo pure cose ca nun erano succiese, o ca erano succiese all’ati surdate… pecché era troppa ‘a folla, ‘a gente ca vuleva sèntere… ‘e guagliune… (Rivivendo le scene di entusiasmo di allora) ‘O surdato! ‘Assance sèntere, conta! Fatelo bere! Il soldato italiano! Ma mo pecché nun ne vonno sèntere parla’? Primma ‘e tutto pecché nun è colpa toia, ‘a guerra nun l’he’ vuluta tu, e po’ pecché ‘e ccarte ‘e mille lire fanno perdere ‘a capa… (Comprensivo) Tu ll’he’ accuminciate a vede’ a poco ‘a vota, po’ cchiù assale, po’ cientomila, po’ nu milione… E nun he’ capito niente cchiù… (Apre un tiretto del comò e prende due, tre pacchi di biglietti da mille di occupazione. Li mostra ad Amalia) Guarda ccà. A te t’hanno fatto impressione pecché ll’he’ viste a ppoco ‘a vota e nun he’ avuto ‘o riempo ‘e capi’ chello ca capisco io ca so’ turnato e ll’aggio viste tutte nzieme… A me, vedenno tutta sta quantità ‘e carte ‘e mille lire me pare nu scherzo, me pare na pazzia… (Ora alla rinfusa (a scivolare i biglietti di banca sul tavolo sotto gli occhi della moglie) Tiene mente, Ama’ : io ‘e ttocco e nun me sbatte ‘o core… E ‘o core ha da sbattere quanno se toccano ‘e ccarte ‘e mille lire… (Pausa) Che t’aggi’ ‘a di’? Si stevo cca, forse perdevo ‘a capa pur’io… A mia figlia, ca aieressera, vicino ‘o lietto d’ ‘a sora, me cunfessaie tutte cosa, che aggi’ ‘a fa’? ‘A piglio pe’ nu vraccio, ‘a metto mmiez’ ‘a strada e le dico: – Va fa’ ‘a prostituta? – E quanta pate n’avesser’ ‘a caccia ‘e figlie? E no sulo a Napule. Ma dint’ ‘a tutte ‘e paise d’ ‘o munno. A te ca nun he’ saputo fa’ ‘a mamma, che faccio, Ama’, t’accido? Faccio ‘a tragedia? (Sempre più commosso, saggio) E nun abbasta ‘a tragedia ca sta scialanno pe’ tutt’ ‘o munno, nun abbasta ‘o llutto ca purtammo nfaccia tutte quante… E Amedeo? Amedeo che va facenno ‘o mariuolo? (Amalia trasale, fissa gli occhi nel vuoto. Le parole di Gennaro si trasformano in immagini che si sovrappongono una dopo l’altra sul volto di lei. Gennaro insiste). Amedeo fa ‘o mariuolo. Figlieto arrobba. E… forse sulo a isso nun ce aggia penza’, pecché ce sta chi ce penza… (Il crollo totale di Amalia non gli sfugge, ne ha pietà). Tu mo he’ capito. E io aggio capito che aggi’ ‘a sta’ ccà. Cchiù ‘a famiglia se sta perdenno e cchiu ‘o pate ‘e famiglia ha da piglia’ ‘a responsabilità. (Ora il suo pensiero corre verso la pìccola inferma). E se ognuno putesse guarda’ ‘a dint’ ‘a chella porta… (mostra la prima a sinistra) ogneduno se passaria ‘a mano p’ ‘a cuscienza… Mo avimm’aspetta’, Ama’… S’ha da aspetta’. Comme ha ditto ‘o dottore? Deve passare la nottata.

(E lentamente si avvia verso il fondo per riaprire il telaio a vetri come per rinnovare l’aria).

Amalia (vinta, affranta, piangente, covre risvegliata da un sogno di incubo). Ch’è ssuccieso… ch’è ssuccieso…

Gennaro (facendo risuonare la voce anche nel vicolo) .’A guerra, Ama’!

Amalia (smarrita). E che nne saccio? Che è ssuccieso!

(Maria Rosaria, dalla prima a sinistra, recando una ciotolina con un cucchiaio, si avvia verso la «vinella»).

Gennaro. Mari’, scàrfeme nu poco ‘e cafè…

(Maria Rosaria senza rispondere si avvicina al piccolo tavolo nell’angolo a destra, accende una macchinetta a spirito e dispone una piccola «cócoma»).

Amalia (rievocando a se stessa un passato felice di vita semplice). ‘A matina ascevo a ffa’ ‘o ppoco ‘e spesa… Amedeo accumpagnava a Rituccia a scòla e ghieva a fatica’… Io turnavo ‘a casa e cucenavo… Ch’è ssuccieso… ‘A sera ce assettavamo tuttu quante attuorno ‘a tavula e primma ‘e mangia’ ce facevamo ‘a croce… Ch’è ssuccieso… (E piange in silenzio).

Total Page Visits: 22 - Today Page Visits: 1