disinformazione

Contro la disinformazione. Lettera aperta

Contro la disinformazione. Lettera aperta: i rappresentanti dei media ucraini e singoli giornalisti e professionisti della comunicazione denunciano le capillari attività di disinformazione che la Russia pratica metodicamente, e chiede di contrastarle anche attraverso un uso consapevole del linguaggio.

Il testo della lettera originale (in inglese) è pubblicato su AdnKronos del 25 marzo 2022. La traduzione è di ItalianaContemporanea, che rubrica la lettera nella pagina “Ucraina” dedicata alla guerra russa contro l’Ucraina. Il testo consta di 1.521 parole e richiede un tempo di lettura di sette minuti circa.


Contro la disinformazione. Lettera aperta ai professionisti dei media che si occupano dell’invasione russa dell’Ucraina 

Da: organizzazioni dei media ucraini, giornalisti, fotografi, gestori dei media e professionisti della comunicazione

Cari colleghi,

Il 24 febbraio 2022, la Russia ha iniziato un’invasione su vasta scala non provocata dell’Ucraina, una massiccia escalation della loro guerra di otto anni nel Donbas, nell’Ucraina orientale. La guerra russa si svolge lungo quattro assi, attaccando tutte le principali città ucraine con missili, attacchi aerei e, nella maggior parte dei casi, forze di terra. Un numero altissimo di civili e militari è stato ucciso. In poco più di tre settimane, più di tre milioni di ucraini sono diventati rifugiati in Europa. Quattro membri della comunità dei media sono stati uccisi dalle forze russe: Oleksandra Kuvshynova, Brent Renaud, Evgen Sakun e Pierre Zakrzewski. Le forze russe rapiscono i giornalisti ucraini per metterli a tacere, quindi una giornalista ucraino Viktoriya Roschina e Oleh Baturin hanno trascorso 6 e 8 giorni in cattività dopo essere scomparsi. Il fotoreporter ucraino Maks Levin è scomparso il 13 marzo mentre riferiva dalla prima linea vicino a Kiev. Anche un editore di Melitopol Mikhail Kumok e tre giornalisti – Yevgeniya Boryan, Yuliya Olkhovska e Lyubov Chaika – sono stati detenuti per 1 giorno e hanno subito pressioni per collaborare con il regime occupazionale russo nella loro città.

Allo stesso tempo, la Russia con le sue campagne di disinformazione ha attaccato e attacca il valore, per noi fondamentale,  di un giornalismo onesto, veritiero, fondato sui fatti.

Molte persone non sono consapevoli della portata e della profondità di queste campagne e il loro pieno impatto deve ancora essere percepito.

L’efficacia di queste narrazioni di disinformazione non è avvenuta dall’oggi al domani. Si sono presi del tempo per penetrare nel discorso pubblico, capitalizzando su travisamenti o incomprensioni linguistiche, storiche e politiche, ed esacerbando le divisioni esistenti nella società fino a quando non hanno iniziato a soffocare la discussione civile.

Questo è il motivo per cui, come singoli giornalisti e organizzazioni della comunità dei media ucraini che hanno combattuto contro la guerra dell’informazione russa dal 2014, vorremmo evidenziare i seguenti punti riguardanti il ​​linguaggio usato per descrivere questa guerra. Alcuni di loro potrebbero non essere ovvi, ma sono di vitale importanza per noi e rappresentano una rappresentazione veritiera di questa guerra. Chiediamo alle organizzazioni dei media di condividere questo con le loro redazioni e il pubblico:

1) Un errore comune è usare termini come “crisi”, “conflitto” o “operazione militare”, o chiamarlo “ucraino” cioè “crisi ucraina” o “conflitto ucraino”. Questa è un’invasione su vasta scala e una guerra contro l’Ucraina. Vi chiediamo di indicare correttamente il ruolo della Russia nella guerra con le diciture “Guerra della Russia in Ucraina” e/o “invasione russa dell’Ucraina”, specialmente in didascalie, titoli, lead e hashtag.

2) Allo stesso tempo, chiediamo di non abusare della frase “La guerra di Putin”. Anche se c’è la tentazione di credere che questa guerra sia iniziata solo a causa del presidente russo, diversi sondaggi di diverse organizzazioni elettorali (Savanta ComRes, VCIOM, il progetto di ricerca “I russi vogliono la guerra?”) hanno riportato che la maggioranza silenziosa dei russi – circa il 60 per cento – sostiene la guerra. Durante la prima settimana di guerra, il sostegno pubblico a Putin in Russia è cresciuto dal 60 al 71%. I soldati russi a terra sparano missili e bombe e uccidono deliberatamente civili. Molti russi non hanno accesso ai fatti e ai media indipendenti, ma questo non li solleva dalla loro responsabilità.

3) Molti si riferiscono agli pseudo-referendum del 2014 nei territori ucraini della Crimea e nelle oblast’ di Donetsk e Luhansk come spiegazioni per l’aggressione militare russa. Questo è fuorviante. I territori della Crimea e parti delle Oblast’ di Donetsk e Luhansk sono stati annessi e occupati dalle forze russe nel 2014. La Crimea è stata annessa dalla Russia in una violazione inequivocabile del diritto internazionale. La guerra nel Donbas è stata esclusivamente orchestrata e sostenuta dallo Stato russo. Gli pseudo referendum e le repubbliche proxy non sono riconosciute dalla comunità internazionale. Gli esperti (Orysia Lutsevych, Andrew Wilson e Nikolay Mitrokhin per citarne alcuni) sottolineano che né la creazione delle “repubbliche” fantoccio a Donetsk e Luhansk né la guerra convenzionale sarebbero avvenute senza il coinvolgimento russo. L’attuale escalation dimostra il desiderio della Russia di controllare l’intera Ucraina e queste “repubbliche” sono utilizzate come piattaforma per un’invasione su vasta scala e uno strumento di propaganda e disinformazione.

  • Inoltre, le quasi “repubbliche” nel Donbas non sono un’altra parte armata del conflitto. Operano come parte dell’esercito russo e dei mercenari che combattono in Ucraina. L’uso di termini come “aree di proprietà dei separatisti” è quindi errato. Si prega di considerare l’utilizzo di “proxy russi”.

4) Un altro errore comune che osserviamo è quello di riportare le posizioni ucraine e russe come “due prospettive uguali”. Le posizioni russe si basano su bugie, propaganda e negazione dell’esistenza dell’Ucraina come nazione e stato. La propaganda russa non è solo “comunicazione strategica” o un altro punto di vista, sta usando la disinformazione per giustificare l’uccisione di migliaia di civili e il proseguimento di una guerra completamente non provocata.

5) La narrativa che caratterizza la guerra come una procura tra Russia e Occidente nega lo stato ucraino, realtà che la resistenza del popolo all’invasione dimostra chiaramente. La NATO è un’alleanza basata sul diritto delle nazioni sovrane alla difesa collettiva, sancito dall’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite. Concentrandosi sull'”espansione”, i media perpetuano la giustificazione del Cremlino per la guerra e ignorano la voce democratica del popolo ucraino che desidera vivere in pace, libero dall’aggressione russa.

6) Infine, vi preghiamo di includere, coinvolgere e ascoltare esperti ucraini. La maggior parte degli esperti internazionali è specializzata in Russia o nell’Europa orientale. Chiediamo di includere esperti ucraini, o coloro che hanno vissuto e lavorato in Ucraina nel giornalismo che pubblicate sulla guerra.

Gli accademici e gli esperti di guerra dell’informazione e disinformazione avvertono che le tattiche russe, perpetuate dai suoi sostenitori in Occidente e all’estero, hanno un obiettivo: dividere, ingannare, seminare dubbi e creare abbastanza sfiducia nelle informazioni che le persone non sanno in cosa credere, e mettere in discussione anche i fatti più evidenti. Giocheranno sulle verità che diciamo a noi stessi e sulle promesse che non vengono mantenute. Attaccheranno i sentimenti condivisi da e all’interno di gruppi etnici, di genere, linguistici e socioeconomici. La disinformazione mira a semplificare eccessivamente le questioni esistenti e trasformare le vittime in autori di reati. Lo vediamo già con i russi che sostengono questa guerra credendo di combattere la NATO e i “neo-nazisti” in Ucraina. Lo abbiamo visto in passato con la disinformazione contro la crisi dei rifugiati siriani in Europa e la verità dietro l’abbattimento del volo MH-17 nel 2014.

Un resoconto completo e veritiero di questa guerra è fondamentale per sconfiggere la guerra dell’informazione della Russia, consistente in propaganda e manipolazione mirate all’Ucraina e ai paesi e alle istituzioni democratiche liberali. Pertanto, riteniamo che il pubblico debba essere consapevole di come la Russia manipolerà gli effetti di questa guerra. Tenteranno di armare comportamenti che contraddicono i nostri valori collettivi, come il doppio standard nei confronti dei rifugiati e la discriminazione razziale contro i gruppi minoritari. Tenteranno di sovraccaricare l’ascesa dei movimenti nazionalisti, al fine di deviare la colpa dalla Russia all’Ucraina, alla NATO e all’Europa. Crediamo che sia importante sollevare queste questioni ora, per consentire un discorso civile e aperto su come affrontare collettivamente queste e le questioni future che senza dubbio sorgeranno da questa guerra.

Firmato

Media organizations: 

Commission on Journalism Ethics
Ukrainian Media Business Association
National Union of Journalists of Ukraine, –
Sergiy Tomilenko, President
Institute of Mass Information Oksana Romaniuk, director
Internews Ukraine Kostiantyn Kvurt, the head
Regional Press development Institute
Center for Democracy and Rule of Law
Independent Media Council
, Ukraine
Ukrainian Media and Communication Institute Diana Dutsyk, CEO
Detector media NGO – Natalyia Lygachova, head, chief editor
Souspilnist Foundation, – Taras Petriv, president
Media Development Foundation – Eugene Zaslavsky, Executive Director
Ukrainian Association of media psychologists and media educators – Lyubov Naydonova, President
Suspilne (UA: PBC) Angelina Kariakina, head of news
Hromadske – Yuliia Fediv, CEO
LB.UA Sonya Koshkina, Editor-in-Chief
Ukrayinska Pravda Sevgil Musaieva, chief editor
Zaborona Media Katerina Sergatskova, editor-in-chief, Roman Stepanovych, CEO 
Realnaya Gazeta – Andrii Dikhtiarenko, chief editor
Glavcom (Information Agency) Mykola Pidvezianiy, chief editor 

Individual journalists, media professionals, experts 

Emine Ziyatdinova, Independent Media consultant and documentary photographer. London, UK.
Nina Kuryata, Independent Media consultant. Kyiv, Ukraine.
Svitlana Ostapa, Supervisory Board of PJSC, the National Public Broadcasting Company of Ukraine, The Chair 
Maryna Synhaivska, “Ukrinform” National News Agency of Ukraine, Deputy Director General
Liza Kuzmenko, Head of NGO “Women in the Media”, the CJE member
Julia Smirnova, analyst and journalist, London 
Olena Dub, journalist, media-consultant
Olga Yurkova, media trainer, media consultant
Marichka Varenikova, freelance journalist and producer
Oksana Parafeniuk, freelance photojournalist and producer
Tetiana Stroi, CEO of Donetsk Press Club, media trainer, media expert
Svitlana Yeremenko, CEO of Pylyp Orlyk Institute for Democracy, journalist, media expert
Roman Kifliuk, independent media expert
Anastasia Magazova, journalist and author, Berlin/Kyiv
Anastasia Vlasova, visual storyteller
Oksana Grytsenko, independent journalist
Tetiana Pechonchyk, head of the Human Rights Center ZMINA, the CJE member
Andrii Ianitskyi, Center for Journalism at Kyiv School of Economics, the head 

Guida alla lettura

Questa lettera aperta si segnala come testo “militante”. I giornalisti ucraini scrivono ai loro colleghi occidentali (cfr, l’intestazione della lettera e le firme finali) e si propongono di sollecitare una riflessione sul valore di un giornalismo onesto e basato sulla realtà dei fatti.

Il punto 1 richiama l’attenzione dei lettori sulla necessità di un linguaggio preciso e diretto : “chiamare le cose col loro nome”, si potrebbe dire. Il problema toccato è stato sollevato già nella lunga premessa che denuncia la capillare e persistente campagna di disinformazione praticata dalla Russia. Alla bugia la lettera contrappone la parola esatta, precisa; alla manipolazione delle coscienze la lettera oppone il valore di un’informazione onesta e basata sui fatti. Un tema molto importante da sempre (nelle democrazie, dove un voto vale un voto, il tema della manipolazione dei singoli individui è molto dibattuto) ma particolarmente negli ultimi due secoli con la nascita dei mezzi di informazione di massa, da Citizen Kane e la determinazione di Kane stesso nel influenzare il pubblico, a The Post dove si riafferma invece il principio che la libera stampa serve chi è governato, non chi governa.

Il punto 2 chiama in causa il popolo russo e le sue responsabilità. Qual è la posizione del testo?

Il punto 3 contesta chi prende per buoni i referendum nelle repubbliche separatiste. Quali argomenti sono messi in campo per polemizzare?

Il punto 4 torna sul tema della disinformazione: cosa aggiunge alla premessa e al punto 1?

Il punto 5 rivendica l’autonoma esistenza della nazione e dello stato dell’Ucraina negato appunto dalla manipolazione russa. Di qui l’appello del punto 6 a consultare sulle varie questioni anche gli esperti ucraini.